[Jazz]: The bell – ECM 2016

dainese_26032012_0022_raw

Ascoltando l’ultima produzione di Ches Smith con i fidi Craig Taborn  e Mat Maneri, gran bel album (consigliato), sono andato a ravanare nell’archivio e ho ripescato la foto sopra del 2012 quando sono andato come fotografo (e appassionato jazzofilo!) al concerto di Taborn.

 

booklet-1

https://www.ecmrecords.com/catalogue/1452512959/the-bell-ches-smith-craig-taborn-mat-maneri

 

 

 

[Photographer]: Filippo Minelli

Come al solito leggendo un articolo in un sito navigo e salto di palo in frasca fino ad arrestarmi quando trovo un qualcosa che mi colpisce.

In breve il viaggio

Partenza      http://www.wumingfoundation.com/giap/

Festivaletteratura di Mantova 11 settembre (già passato e quindi perso) – as usual  -MA: c’era WuMing 1 all’evento Padania Classics

Cambio http://www.padaniaclassics.com

Padania Classic: Come la cementificazione del Nord Italia ha deturpato il territorio, ristretto gli orizzonti culturali e depresso il gusto (certamente il gusto di attraversare la pianura padana).   Concept del fotografo Filippo Minelli e di Emanuele Gallesi

Destinazione http://www.filippominelli.com

© Filippo Minelli
© Filippo Minelli

La fotografia contemporanea, questa sconosciuta.

Mi hanno colpito molto (positivamente) i progetti di Filippo Minelli, figli del nostro tempo, non eclatanti ma sottili e penetranti, che quando ti prendono permangono a lungo.

Tutto da scoprire… Grande Minelli!!

 

 

 

 

[Curiosità]: l’uso del pungitopo

dainese_05062016_0281_raw
Pungitopo

In occasione di un giro in Garfagnana, nella fortezza delle Verrucole ove vi è una ricostruzione ben curata e “viva” della vita che si conduceva in questo posto nel medioevo, finalmente sono riuscito a vedere l’uso del pungitopo (Ruscus aculeatus). E’ da questo utilizzo che ne prende il nome volgare.

Devo dire che mi ha veramente stupito. Mi ricordo nella casa vecchia di mio nonno, in campagna, che si usava mettere salumi e formaggi in un mobiletto aperto protetto da rete metallica a maglie finissime [mi sfugge il suo nome caratteristico,  ma appena mi viene in mente aggiorno il post!], lasciando al cibo la possibilità di traspirare.

[Uomini]: Edda S.R.

Stavolta come mi ammazzerai?

Ottima domanda.Potrebbe porla J.C. [gei-sì] ma questa volta è il turno di Edda al secolo Stefano Rampoldi [edda]

Sono praticamente due anni che è uscito questo capolavoro distribuito da Niegazowana.

Mi sa che qui in Italia non lo sentirete mai trasmesso per etere ma, pazienza, ci siamo abituati. Internet è il luogo ove si trova ciò che si cerca. 

I miei due anni trascorsi dal primo ascolto di queste perle, sono addotti appunto al fatto che se non sai cosa cercare sicuramente fai fatica a trovare. Una volta con le riviste musicali era il contrario: erano loro a proporre le novità e in qualche modo a guidarti nell’esplorazione, ora invece che ci sembra essere dei semi-dei con google alle dita ( e anche a portata di voce) ci perdiamo – mi perdo – nei BIG DATA, perdo energia nel rimanere a galla sulle onde del flusso di informazioni, vivendo poi le cose essenziali (come l’ascolto di questo lavoro musicale) nel passato.

Consiglio anche caldamente il libro Uomini scritto da Elisa Russo, che ci porta la scena musicale italiana, con epicentro Milano, degli anni Novanta al nostro cospetto, in modo intelligente ed emozionante. Il focus è sui Ritmo Tribale ma il cerchio poi si espande e copre moltissimi altri personaggi che hanno fatto, e per fortuna fanno ancora, cultura nel nostro piccolo ma amato paese.

Buona lettura e buon ascolto.

 

screenshot_2016-09-18-15-17-33

 

 

Jpeg
Uomini

 

http://edda.net/stavolta-come-mi-ammazzerai/

 

 

[Portraits]: Undici alberi

Undici ritratti di alberi scattati in montagna tutti in un giorno.

Un giorno particolare nel quale camminando ho incontrato uno alla volta questi alberi, sparsi in mezzo a tutti gli altri nel bosco. Sono emersi da soli, senza cercarli.

E’ in fondo il senso della fotografia: apertura di animo e saper ascoltare e captare quello che succede. Le fotografie sono venute naturalmente sena forzature.

Dainese_08082016_0179_Raw

 

Dainese_08082016_0184_Raw

 

Dainese_08082016_0185_Raw

 

Dainese_08082016_0187_Raw

 

Dainese_08082016_0188_Raw

 

Dainese_08082016_0189_Raw

 

Dainese_08082016_0192_Raw

 

Dainese_08082016_0201_Raw

 

Dainese_08082016_0203_Raw

 

Dainese_08082016_0207_Raw

 

Dainese_08082016_0232_Raw

[blog]: non si fa politica. hehehehe

Un sito bello. Anzi bellissimo.

Perchè è interessante e perchè il tempo necessario per leggerlo, scoprirlo e raccontarlo è tempo speso bene.

http://www.wumingfoundation.com/giap/

e poi ci vogliono coerenza e due palle così per mettere:

2016-09-02_192517

Siete Grandi!

Ah essendo questo invece un blog in cui si parla di idee fotografiche, sempre dal sito in questione (Giap) si visiti il sito

http://quattro.terraproject.net

4 – I fotoracconti di Wu Ming 2 + TerraProject in libero download.

dove il lavoro collettivo di 4 fotografi s’intreccia con i testi di Wu  Ming.

TerraProject Photographers is a collective of documentary photographers founded in Italy in 2006.
Its members are Michele Borzoni, Simone Donati, Pietro Paolini and Rocco Rorandelli.