[Fotografia di paesaggio]: Padova – sequenza[3]

Il lavoro di ricerca prosegue, e questa volta a Padova, seguendo uno dei canali che attraversano la città. Intorno e lungo ad esso la città si è sviluppata già dai tempi dei romani, ne sono testimonianza i ponti più antichi che collegano le due sponde del Bacchiglione.

[website]: dainese-photography.com updated

Eureka! Eventually my website has included the section < Sequenze – Paesaggio Veneto>.

This is a open project that I’m going to develop with enthusiasm. It will refine and evolve continuously end, I hope, will have a milestone in a exposition.

Actually is composed by the first two sequences, each of one represent my explorations of a little part of territory, but soon these “paths” will aggregate and a new puzzle will emerge. Works in progress …

[Fotografia di paesaggio]: Paesaggio Veneto – Sequenza[ 1]

In questo secondo momento, la zona considerata è quella del lago di Garda sud, compresa tra i comuni di Lazise e Garda.

L’intento è di affinare il metodo e incominciare a confrontare le sequenze tra loro per far emergere gli elementi comuni e generali. Più facile a dirsi che a fare.

Aggiungo che queste sequenze sono state effettuate selezionando scatti fatti con la digitale e quindi più immediati da gestire. In questa particolare ho scattato complessivamente 46 foto, come se avessi a disposizione cinque di rulli in medio formato nel 6×7.

Il taglio dato però è quello 4×5 che deriva dal formato LF che uso solitamente. Anche qui la difficoltà l’ho trovata nella visione che in una reflex ha un rapporto dimensionale diverso (quello del 35mm). Non credo sia un vincolo in realtà quello di dover normalizzare tutte le foto ad un formato particolare, ma dal momento che mi pone uno stimolo positivo pnso di doverlo affrontare.

[Fotografia di paesaggio]: Paesaggio Veneto – Sequenza[ 0]

Piccolo pdf scaricabile liberamente che ho realizzato come esercizio fotografico.

Se lo leggete, inviatemi pure i vostri pareri, che per me sono preziosi e necessari.

Grazie del vs. tempo!

Nella modalità booklet avrebbe anche una copertina:

[Fotografia di paesaggio]: Parco Bolasco, Castelfranco Veneto

Qualche appunto visuale catturato con lo smartphone.

#1
#2
#3
#4
#5

L’occasione è nata dalla presentazione del libro “Verso il nord” di Guido Guidi e Gerry Johansson, due grandi fotografi di paesaggio, svoltasi nel parco di Villa Bolasco a Castelfranco Veneto il 5 settembre 2021.

[Photographers]: Yoshito Matsushige

He was famous because his photos of Hiroshima just after the American nuclear bombing.

Here the interesting article from “The World”.

The World is public radio’s longest-running daily global news program. Our goal is to engage domestic US audiences with international affairs through human-centered journalism that consistently connects the global to the local and builds empathy for people around the world. 

https://www.pri.org/stories/2021-08-06/only-photos-hiroshima-taken-august-6-1945

Yoshito Matsushige is shown with this right arm outstretch and a camera hanging from his neck.

Yoshito Matsushige took the only known photographs of Hiroshima, Japan, on Aug. 6, 1945, after the United States dropped an atomic bomb on the city during World War II. Nearly half a century later, Matsushige told his story to Max McCoy, a reporter visiting Hiroshima from Kansas.

West end of Miyuki Bridge (Matsushige 2)This photograph was taken moving in closer to the people after taking the photograph on the left.From in front of the police box, both sides on Miyuki Bridge were full of dead and injured people. From that evening, the injured were taken by truck to Ujina and Ninoshima Island.Just after 11 a.m. (image from https://atomicphotographers.com/photographers/yoshito-matsushige)

[Portrait]: Marta

Marta, 2021

I’m not a portraitist, but sometimes I would take some picture of my beloved.

Chamonix 45f2, Apo Ronar 300mm f9, Fomapan 400 4×5″, softbox, reflector, 2 flashes.

Developed in ID11 1+1 / Scan from negative